Vivere alle Bermuda: come fare e quante tasse si pagano

Tutti sanno che le Bermuda sono un posto bellissimo. Tuttavia, non tutti sanno che è anche molto attraente dal punto di vista fiscale. Non ci sono infatti imposte sul reddito, imposta sulle plusvalenze e IVA. Di contro, c’è un’imposta sui salari che viene applicata ai datori di lavoro e ai dipendenti. L’imposta è attualmente del 9,5% per i dipendenti e del 10,25% per i datori di lavoro.

Una fonte importante di tasse è il dazio doganale, riscosso su quasi tutte le merci che arrivano sull’isola (compresa una tassa del 25% sui vostri beni se vi emigrate).

Inoltre, gli individui non bermudiani possono acquisire una residenza o una proprietà frazionata alle Bermuda sotto licenza governativa, da ottenere prima di acquisire un interesse superiore a cinque anni. Una licenza individuale costa dal 4% al 6% del valore del corrispettivo da pagare per la proprietà.

Se possiedi una proprietà alle Bermuda, sarai soggetto a un’imposta fondiaria annuale. Questa tassa si basa sul valore annuale dell’affitto della proprietà. Le aliquote variano dallo 0,8% al 50% per le proprietà residenziali. I pensionati che hanno 65 anni o più sono esenti.

C’è anche un’imposta di bollo sulle proprietà, che sarà pagabile se possiedi beni alle Bermuda alla data della tua morte. Le aliquote variano dal 5% (da BMD100.001 a BMD200.000) al 20% (beni superiori a BMD 2 milioni).

Vivere alle Bermuda

Le Bermuda attraggono i ricchi espatriati a causa della forte cultura occidentale e del mite clima subtropicale. L’isola è anche famosa per le sue spiagge rosa. La criminalità è certamente più bassa che nella maggior parte d’Europa, ma è in crescita, in particolare nelle strade secondarie della capitale.

Bermuda è uno dei paesi più ricchi del mondo e il costo della vita è uno dei più alti del mondo. Dunque, se desideri vivere lì, dovrai richiedere un certificato di residenza. Per ottenerlo si deve generalmente possedere una proprietà ed essere in pensione (più di 50 anni di età con notevoli mezzi finanziari).

Creare una società offshore alle Bermuda

Le Bermuda hanno una grossa fetta del mercato delle società offshore (ha più di 12.000 società internazionali) e alcune delle grandi società FTSE e Fortune 100 hanno società holding offshore incorporate sull’isola.

Bermuda è particolarmente popolare tra le società statunitensi, data la sua posizione geografica. Tuttavia, di maggiore importanza è il fatto che offre esenzioni fiscali alle società incorporate sotto speciali disposizioni di società esenti e d’oltremare.

Le Bermuda sono anche un paese abbastanza ben sviluppato con eccellenti comunicazioni e servizi professionali e offrono stabilità politica.

Una delle ragioni principali per il numero di società offshore nelle Bermuda è stata la regolamentazione delle assicurazioni captive. Essenzialmente, l’assicurazione captive permette alle società di “autoassicurare” le proprie passività. È stato anche un popolare dispositivo di pianificazione fiscale, permettendo una deduzione fiscale per i premi assicurativi e un roll-up di cassa esente da tasse alle Bermuda. Tuttavia, l’IRS ha chiuso molte di queste scappatoie.

Si noti che, come le Bahamas, le Bermuda hanno firmato un accordo di scambio di informazioni con gli Stati Uniti e quindi qualsiasi cittadino statunitense potrebbe trovare l’IRS che ottiene informazioni su qualsiasi interesse guadagnato da un conto bancario delle Bermuda. Ha anche implementato i termini del trattato dell’OCSE sullo scambio di informazioni ed è ora sulla lista bianca dell’OCSE, avendo implementato un certo numero di trattati di scambio di informazioni.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi