Sudafrica rivede regole sui visti per incentivare il turismo

Il governo sudafricano ha annunciato l’intenzione di rivedere le sue norme sui visti entro la fine del prossimo mese per promuovere il turismo e rendere più facile fare affari, quale parte di un pacchetto di misure volte a rilanciare l’economia, impantanata in uno stato recessivo.

In particolare, stando alle novità i minorenni che sono cittadini stranieri non avranno più bisogno di una copia del loro certificato di nascita e del consenso di entrambi i genitori per entrare nel Paese – ha detto ai giornalisti a Pretoria il ministro dell’Interno Malusi Gigaba. I visitatori provenienti dall’India e dalla Cina non dovranno inoltre richiedere i visti di persona presso un’ambasciata del Sud Africa, mentre i viaggiatori d’affari provenienti da quelle nazioni riceveranno i visti per ingressi multipli di 10 anni entro cinque giorni.

Più di 10 milioni di persone visitano il Sudafrica ogni anno, un numero dell’amministrazione del presidente Cyril Ramaphosa vuole aumentare esponenzialmente cercando di creare posti di lavoro. Da tempo l’industria del turismo si è lamentata del fatto che le nuove leggi sui visti introdotte nel 2015, che il governo ha ritenuto necessarie per combattere il traffico di bambini e il terrorismo, hanno spinto molti viaggiatori a prendere in considerazione destinazioni alternative.

“È una sfida intrinseca nella gestione dell’immigrazione rilevare, prevenire e agire contro i rischi senza intralciare eccessivamente i viaggiatori rispettosi della legge”, ha detto Gigaba. “Le modifiche alla nostra architettura dei visti hanno il potenziale per aumentare il turismo e rendere i viaggi d’affari più favorevoli”.

Ramaphosa, che è entrato in carica a febbraio, ha delineato i piani la scorsa settimana per modificare il regime dei visti nel suo “piano di stimolo e recupero”, che mira a far rivivere un’economia entrata in recessione nel secondo trimestre, ma che non ha mai fornito dettagli.

I visitatori provenienti da un certo numero di paesi, tra cui gli Stati Uniti, gli Stati Uniti, la Germania, la Francia, i Paesi Bassi, l’Australia, il Brasile, il Canada, la Russia e l’Angola, non hanno bisogno di visti per recarsi in Sudafrica. Il governo sta discutendo di estendere l’esenzione ad altri cittadini, compresi quelli di Algeria, Egitto, Marocco, Sao Tome e Principe, Ghana, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Iran, Libano, Kuwait e Cuba, ha detto Gigaba.

Altre concessioni includono il permesso ai visitatori frequenti in Sud Africa di richiedere i visti per ingressi multipli di tre anni, e gli uomini d’affari e accademici dall’Africa per richiedere visti per ingressi multipli di 10 anni.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi