Nomadi digitali, chi sono e quanti sono?

Con l’avvento della pandemia, le abitudini e le priorità dei viaggiatori sono cambiate in tutti i sensi. Si è parlato molto dell’impatto che la crisi sanitaria ha avuto sul turismo e di come la flessibilità sia diventata una priorità per il viaggiatore. Di conseguenza, non è sorprendente vedere che i nomadi digitali sono in aumento… e continueranno a farlo.

Dall’inizio di Covid-19, il numero di persone che combinano lavoro e viaggi utilizzando la tecnologia delle telecomunicazioni digitali è raddoppiato negli Stati Uniti. Questo aumento del 50% significa che 10,2 milioni di persone si adattano a questo stile di vita, dove le responsabilità non impediscono loro di godere di un cambiamento del paesaggio. Con queste informazioni in mente, il settore del turismo potrà adattare meglio la sua offerta alle richieste di coloro che sentono che non ci sono più barriere e che il remoto è venuto per restare.

Come sono i nomadi digitali

La prima cosa da fare è capire come sono queste persone in termini generali. Una percentuale abbastanza grande ha deciso di fare il salto al lavoro remoto da diversi luoghi nel 2020. Circa il 20% dei nomadi di oggi sono nomadi come risultato di ciò che hanno vissuto durante la pandemia.

Inoltre, l’88% dice che la decisione di diventare nomadi ha avuto un impatto molto positivo sulla loro vita. Forse è per questo che si stima che 24 milioni di americani diventeranno nomadi nei prossimi 2-3 anni.

Qual è il loro profilo demografico

Una ripartizione demografica di questi lavoratori ci dice che la maggior parte di loro (44%) sono millennials. Sono seguiti dai nomadi digitali della Generazione X (23%), dalla Generazione Z (21%) e dai Baby Boomers (12%). I dati non sono sorprendenti, dato che i millennial sono un gruppo in età lavorativa, ma forse meno gravato da responsabilità familiari rispetto alle popolazioni più anziane.

Infatti, solo il 26% dei viaggiatori che lavorano ha figli minori. Tuttavia, il 59% di questa percentuale non viaggia mai con loro. D’altra parte, il 61% è sposato. Il 31% dei nomadi sposati viaggia con il proprio partner a tempo pieno e il 38% a tempo parziale.

Per quanto riguarda il genere, gli uomini hanno più probabilità delle donne (59% contro 41%) di essere nomadi digitali. La maggioranza in entrambi i casi si considera di avere opinioni politiche progressiste, il 52% degli uomini e il 73% delle donne si definiscono così.

Cosa fanno per vivere?

Secondo i dati, il 71% dei nomadi digitali sono lavoratori a tempo pieno. Inoltre, c’è una bella spaccatura su chi sono i loro capi: Il 36% sono freelance con più datori di lavoro, il 33% sono proprietari d’azienda e il 21% sono dipendenti fissi di una sola azienda.

Il 64% di questi lavori richiede formazione specializzata, istruzione e/o esperienza. Forse è per questo che non è così sorprendente scoprire che il 72% di loro ha almeno una laurea, mentre il 33% ha completato un master.

Come ci si può aspettare, sono impegnati in campi molto diversi, anche se alcuni predominano sul resto. Spiccano quelli impegnati nell’informatica (19%), nei servizi creativi (10%), nell’istruzione (9%), nella consulenza o nel coaching (8%), nelle vendite e nel marketing (8%) e nella finanza e nella contabilità (8%).

Indipendentemente dalla loro occupazione, circa il 77% usa la tecnologia per ottenere un vantaggio competitivo sul lavoro. A sua volta, la maggior parte la adotta o è più propensa ad adottarla prima dei non-nomadi.

Nonostante quello che possiamo credere, la maggioranza (85%) sono molto soddisfatti del loro lavoro, hanno solo un approccio più flessibile, che permette loro di godere di spostarsi da un luogo all’altro senza i vincoli tradizionali. Naturalmente, il loro stile di vita non significa che lavorino meno, dato che lavorano in media 46 ore a settimana.

Quali tipi di alloggio preferiscono i nomadi digitali?

Per quanto riguarda lo stipendio medio dei nomadi digitali, il loro reddito mensile è di circa 4.500 dollari USA, che equivale a circa 4.000 euro. Ci sono alcune differenze, il 21% guadagna meno di 25.000 dollari all’anno e il 44% più di 75.000 dollari all’anno. Indipendentemente dallo stipendio, il 79% dice di essere soddisfatto di ciò che riceve.

Con questi stipendi, possono permettersi di viaggiare, anche se spendono solo 211 dollari per viaggiare, circa 409 dollari per il cibo, e la maggior parte della spesa va all’alloggio (1.000 dollari). Ancora una volta, possiamo vedere quale opportunità può essere per il settore del turismo.

Per quanto riguarda il tipo di alloggio che preferiscono, il 51% dei nomadi digitali ha detto di preferire un hotel e il 41% preferisce stare da amici o parenti, il resto preferisce stare in un appartamento in affitto, un camper e ostelli.

I motivi sono che prestano attenzione a 5 fattori: internet affidabile, spazio adeguato per lavorare, prezzo, vicinanza alle attrazioni locali e una stanza tranquilla per le riunioni.

Quali sono le destinazioni più popolari?

Secondo uno studio recente, i paesi chiave per i nomadi digitali sono Messico e Colombia nelle Americhe, Portogallo e Spagna in Europa e Thailandia e Indonesia in Asia. Tra tutti, quest’ultimo è il più ricercato a livello globale.

Questo rappresenta un’opportunità molto interessante per gli alloggi turistici di tutto il mondo. Soprattutto perché i nomadi digitali viaggiano in una media di 3 o 4 paesi all’anno. Questo è possibile perché i soggiorni tendono ad essere brevi, mentre la maggior parte dei nomadi (65%) viaggia solo mentre lavora tra 1 e 3 mesi.

Ma cosa cercano quando prendono una decisione? Il fattore principale è la qualità della connessione Internet. Poi valutano il buon clima, il basso costo della vita, i visti facili e le attrazioni della destinazione.

Con tutti questi dati, è facile farsi un’idea di come sono i nomadi digitali. Tuttavia, è anche interessante fermarsi a pensare a cosa li spinge ad abbracciare questo stile di vita. Le ragioni principali sono:

  • Poter viaggiare costantemente
  • Sperimentare culture diverse
  • Incontrare la gente del posto
  • Visitare luoghi con un costo della vita più basso
  • Avere uno stile di vita più semplice
  • Incontrare persone che la pensano come loro

Non possiamo nemmeno ignorare il fatto che devono affrontare alcune sfide. Una di queste è il problema della disconnessione dal lavoro, che danneggia la produttività di quasi un terzo dei nomadi digitali. In questa linea, riconoscono che l’incertezza e la solitudine sono altri rischi da prendere in considerazione.

Allo stesso modo, menzionano potenziali difficoltà finanziarie, perché anche se più della metà sta risparmiando per la pensione, il 65% è preoccupato per il proprio futuro una volta smesso di lavorare. Parlano anche dell’impossibilità di una collaborazione o comunicazione efficace e della difficoltà di mantenere la motivazione.

Cosa possiamo aspettarci in futuro?

Dopo aver visto tutto questo, ci si può solo chiedere cosa riserva il futuro a questi lavoratori. Considerando che la percentuale continua a crescere, è facile immaginare che diventerà ancora più importante negli anni a venire.

Per esempio, il numero di recensioni su portali come Airbnb che menzionano il lavoro a distanza è triplicato. Ecco perché è importante prestare attenzione alle principali tendenze per sapere come trarne vantaggio.

In questo senso, colpisce il fatto che la percentuale di lavoratori nomadi autonomi sia cresciuta del 15% o che la quota dei millennial e della generazione Z sia aumentata di due punti ciascuno. Ciò dimostra che questo profilo si sta ringiovanendo, mentre allo stesso tempo la quota dei Baby Boomers è scesa, probabilmente a causa di preoccupazioni legate alla salute.

Nonostante la pandemia, la metà degli americani (54%) prevede di continuare lo stile di vita nomade per almeno i prossimi due anni. Nel caso degli appaltatori indipendenti, questa cifra sale al 69%. Aggiungete a questo le persone che si uniranno a questo stile di vita, e sembra che avremo nomadi digitali per un po’.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi