Come cambia il mercato turistico nel 2022

Il Cloudbeds Travel Trends Report 2022 analizza le nuove tendenze di prenotazione turistica che si prevede renderanno più facile per gli albergatori e i proprietari guidare più entrate e redditività dai loro futuri ospiti.

Il report riunisce così le tendenze che modelleranno il futuro dell’industria alberghiera e dell’alloggio in un contesto in cui il mercato impara a convivere con gli impatti della pandemia. Un ambiente dinamico della domanda, prenotazioni dirette e soggiorni più lunghi sono le tre tendenze che guideranno le prenotazioni nel 2022.

Ciò premesso, il report, che utilizza più risorse come Expedia, Vrbo, Airbnb e Skift, oltre a piattaforme di dati sull’ospitalità come STR, offre una visione di come la pandemia abbia influenzato tre grandi cambiamenti nelle tendenze di prenotazione che influenzeranno le attività di alloggio quest’anno.

Il documento fornisce anche utili consigli su come rispondere a queste tendenze mutevoli, oltre a preziose raccomandazioni per albergatori e proprietari su questioni legate al business, come ad esempio dove investire, e utili strumenti e tecniche su come adattare, aggiornare e promuovere le loro offerte per ottimizzare tutte le opportunità disponibili per la generazione di entrate.

Domanda dinamica

Uno dei maggiori impatti della pandemia è che la domanda di viaggi è stata imprevedibile. Anche fattori come la posizione e la stagionalità non sono più affidabili come una volta. Gran parte dell’imprevedibilità è stata guidata dalle quarantene e dai cambiamenti nelle restrizioni alle frontiere, che hanno costretto molti viaggiatori a cancellare o cambiare i loro piani all’ultimo minuto.

Un singolo annuncio può anche innescare enormi picchi nella domanda. Prova ne è stata la drammatica crescita delle ricerche di viaggi negli Stati Uniti dall’EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), che su Expedia sono aumentate del 95% settimana dopo settimana dopo che la Casa Bianca ha annunciato la revoca delle restrizioni di viaggio per i visitatori internazionali vaccinati.

I viaggiatori, ormai abituati a queste incertezze, hanno cambiato le loro abitudini di prenotazione di conseguenza, accorciando notevolmente i tempi di prenotazione. Infatti, molti consumatori preferiscono aspettare una data più vicina al loro viaggio per fare le loro prenotazioni.

La flessibilità rimane una priorità per molti viaggiatori: quasi un viaggiatore su tre afferma che la politica di cancellazione di un fornitore di alloggi è uno dei primi tre fattori che influenzano la sua prenotazione. Un numero crescente di viaggiatori sta approfittando della flessibilità per “stack travel”, prenotando due o più viaggi nello stesso periodo nel caso in cui i problemi legati al coronavirus rovinino i loro piani di viaggio preferiti.

È preferita la prenotazione diretta

Secondo i dati, all’inizio della pandemia, quando le restrizioni hanno portato a cancellazioni di massa dei viaggi, molti consumatori “erano frustrati con le OTA per la loro scarsa comunicazione e i ritardi nell’emissione dei rimborsi. La conseguente stampa negativa ha eroso la fiducia dei consumatori nel prenotare con loro”.

In un sondaggio condotto da GlobalData lo scorso giugno, il 39% dei consumatori ha detto che normalmente prenoterebbe direttamente, rispetto al 17% che opterebbe per le OTA e i comparatori. Secondo Skift, il 56% delle prenotazioni di hotel indipendenti proveniva dai canali diretti nel 2020, rispetto al 39% di un anno prima, riflettendo un aumento del 17%.

Soggiorni più lunghi

Prima della pandemia, le fughe di fine settimana erano una delle modalità di viaggio più popolari, ma da allora questa tendenza si è invertita. Un sondaggio di GlobalData ha rivelato che il 44% degli utenti preferisce viaggi di piacere di almeno sette notti, mentre il 26% preferisce più di 10 notti.

Anche i soggiorni più lunghi stanno crescendo in popolarità – il report sui guadagni del Q3 2021 di Airbnb mostra che 28 giorni o più stanno crescendo maggiormente per l’azienda, rappresentando il 20% delle notti prenotate in quel trimestre, rispetto al 14% di un anno prima.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi