I safari stanno cambiando il comportamento degli elefanti

I turisti che fanno i safari stanno danneggiando la salute degli elefanti: li spaventano, li stressano e li rendono più violenti verso le persone e gli uni verso gli altri, stando a quanto affermano alcune nuove ricerche.

A giungere a tali conclusioni è l’autrice principale di un recente studio, Isabelle Szott, della Liverpool John Moores University, secondo cui l’aggressività negli elefanti è aumentata parallelamente alla pressione turistica, con i maschi più inclini delle femmine ad assumere comportamenti violenti.

I turisti che desiderano osservare gli animali nel loro habitat naturale dovrebbero essere consapevoli dei loro potenziali effetti negativi sul benessere animale. La ricerca dovrebbe studiare gli standard delle migliori pratiche per ridurre al minimo tali effetti negativi“, ha detto poi Szott.

L’osservazione degli elefanti in natura è diventata una pratica sempre più popolare tra i vacanzieri in Africa, rinunciando così al business degli elefanti in cattività, addestrati spesso con ganci per eseguire dei movimenti che spesso sviluppano stress post-traumatico.

Tuttavia, anche l’osservazione nel loro ambiente naturale non è benefico per questi esemplari. Basti ricordare che lo scorso anno un turista tedesco è stato calpestato a morte da un elefante mentre cercava di fotografarlo in Zimbabwe, e che nel 2017, un elefante è stato colpito a morte dopo aver calpestato fatalmente una guida turistica dello Zimbabwean resort turistico Victoria Falls. Un altro uomo del posto è stato ucciso in un altro incidente dopo aver cercato di spingere gli elefanti all’aperto per scattare alcune foto.

Anche la tendenza a scattare selfie con gli elefanti selvatici nello stato indiano orientale dell’Orissa ha portato ad una serie di attacchi mortali, con i funzionari che ritengono che tali incidenti siano in aumento.

Alcuni studi precedenti hanno poi confermato che il turismo faunistico causa paura, aggressività, eccessiva vigilanza e comportamento stressato negli animali, compresi i rinoceronti.

Szott, la cui ricerca è stata pubblicata sul Journal of Zoology, ha dichiarato che gli elefanti nelle vicinanze dei pozzi d’acqua potrebbero provare frustrazione e stress, oltre ad essere presi di mira da altri membri della mandria, aumentando così il rischio di aggressione nei confronti delle persone a bordo dei veicoli.

Suggeriamo di introdurre una distanza minima costante dall’individuo più vicino, specialmente al primo approccio, alle linee guida per la visione della fauna selvatica per alleviare il potenziale di conflitto“, ha detto.

Audrey Delsink, responsabile della fauna selvatica della Humane Society International/Africa, ha poi aggiunto a The Independent che “lo stress può essere causato agli animali se la guida o i turisti si avvicinano troppo vicino agli elefanti, arrivando tra femmine e cuccioli o tagliando le vie di uscita, ed è quel tipo di comportamento irresponsabile da parte delle persone che incoraggia risposte negative negli elefanti. Il turismo faunistico non dovrebbe di per sé causare problemi se condotto secondo rigorosi codici di condotta che regolano il modo in cui gli elefanti devono essere visti, come l’osservazione a distanza di sicurezza”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi