Egitto, scoperta una tomba “unica” nel suo genere

Era conosciuto come Wahtye, e ha servito come sacerdote reale o figura religiosa di alto rango con il titolo di “ispettore divino“. E deve essere stato una persona di grande importanza, perché quando fu sepolto nella periferia sud-occidentale dell’attuale Il Cairo, la sua tomba era piena di sculture in pietra colorate ed elaborate che danno un senso ai riti della vita e della morte nell’antico Egitto di più di 4.400 anni fa.

Le autorità egiziane hanno svelato la tomba di Wahtye in una conferenza stampa a Saqqqara a sud-ovest del Cairo nel fine settimana, e hanno annunciato l’intenzione di scavare più a fondo nel complesso ben conservato, che è stato scoperto durante i lavori di scavo iniziati in aprile.

La tomba – ribadiamo, sorprendentemente ben conservata – fornisce informazioni sulla vita nel 24° secolo a.C. durante il regno del re egiziano Neferirkare Kakair, un periodo di relativa prosperità e ordine. Gli archeologi devono iniziare a ispezionare i cinque pozzi che hanno portato fuori dalla tomba, credendo che uno porterà al sarcofago di Wahtye, che deve ancora essere scoperto.

Le pareti della camera includono scene che mostrano Wahtye con sua moglie, chiamata Weret Ptah, sua madre e altri parenti, così come rappresentazioni di ceramica, mobili e produzione di vino, rituali religiosi, spettacoli musicali, vasi navali e uomini a caccia di animali, secondo il Ministero delle Antichità egiziano.

Mostafa Waziri, segretario generale del Consiglio supremo delle antichità egiziano, ha descritto la scoperta come “unica nel suo genere” negli ultimi decenni, “Il colore è quasi intatto anche se la tomba ha quasi 4.400 anni”, ha detto a Reuters.

Le tombe di Saqqqara, situate a circa 20 chilometri a sud-est della Grande Piramide e Sfinge di Giza, sebbene meno famose di altri siti egiziani, vantano alcune delle tombe più ben conservate della nazione, con elaborati geroglifici e coloratissime statuette in pietra. Tra le recenti scoperte annunciate a Saqqqara ci sono la tomba di un alto ufficiale militare di 3.300 anni fa, una mummia di 2.500 anni con una maschera d’oro e d’argento e un complesso tombale pieno di decine di statue raffiguranti gatti.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi