Cosa vedere in Uzbekistan

L‘Uzbekistan non è solo popolare per le sue antiche città di Samarcanda, Bukhara e Khiva, ma anche per destinazioni completamente sconosciute che i turisti hanno però il piacere di scoprire attraverso tour guidati, o esplorazioni autonome. Non si tratta solo di luoghi storici, ma anche di oggetti naturali e culturali unici del nuovo tempo, che attirano l’attenzione dei viaggiatori di tutto il mondo. Scopriamole insieme.

Karakalpakstan

Il Karakalpakstan, che occupa quasi un terzo dell’intero territorio dell’Uzbekistan, ha un’offerta molto attraente per una grande varietà di turisti. Uno dei principali centri di attrazione per i viaggiatori nella regione è il Museo Statale d’Arte intitolato a I. V. Savitsky a Nukus, dove è presentata la più grande collezione del Turkestan e del modernismo russo della prima metà del XX secolo.

Il Mare d’Aral prosciugato, che è diventato il simbolo di una catastrofe ambientale di livello mondiale, è diventato anch’esso un’attrazione turistica. Il cimitero delle navi nell’ex porto di pesca di Muynak con il suo paesaggio apocalittico attira fotografi da tutto il mondo. Infine, da diversi anni, il festival di musica elettronica Element si trova proprio qui.

Parco naturale nazionale di Zaamin

Un’altra delle destinazioni meno conosciute dell’Uzbekistan è il Parco Nazionale Naturale Zaamin nella regione di Jizzakh. La superficie totale del parco, situato a due o tre ore da Tashkent, è di 26.840 ettari. Di questi, 8.770 ettari sono il territorio della Riserva Statale di Zaamin, creata nel 1968 sulla catena montuosa del Turkestan per preservare le foreste di ginepro uniche e la fauna selvatica.

La vegetazione di Zaamin merita un’attenzione speciale, per cui ha peraltro ricevuto il nome di “Svizzera uzbeka”. Circa 700 specie di piante uniche crescono sul territorio della riserva, 13 delle quali sono elencate nel Libro Rosso. Anche la fauna della riserva è varia, dagli orsi ai leopardi delle nevi.

Infine, a 2.000 metri sul livello del mare c’è un sanatorio dove ci sono tutte le condizioni necessarie per eseguire procedure climateriche e climaterapiche per persone con malattie respiratorie e malattie del sistema nervoso.

Shakhrisabz

Il famoso comandante Amir Timur è nato nel piccolo villaggio di Khoja-Ilgar vicino a Shakhrisabz nella regione di Kashkadarya. La storia della città risale al III secolo a.C., e nelle antiche cronache cinesi si menziona che l’antica città di Suse era situata in questo sito, il cui sovrano fu il primo a stabilire relazioni commerciali con la Cina. Più tardi, Shakhrisabz divenne la prima capitale dell’impero Timurid.

Oggi, il centro storico della città è incluso nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Molti oggetti dell’epoca timuride vi sono stati conservati. Questi sono i resti del muro della fortezza costruita sotto Amir Timur, le rovine dell’antico palazzo Aksaray. Nelle vicinanze si trovano la moschea cattedrale Kok-Gumbaz, il complesso commemorativo Dorut-Tilovat, i mausolei di Dorus-Saodat, Shamsad-Din Kulyal, Gumbazi-Seyidan e molti altri.

Sarmishsay

La prossima destinazione poco conosciuta in Uzbekistan si trova nella regione di Navoi – il tratto di Sarmishsay con petroglifi dell’età della pietra. Secondo l’Accademia delle Scienze dell’Uzbekistan, nel Neolitico vi si stabilirono tribù di cacciatori e pescatori della cultura Keltaminar. La posizione comoda del tratto, la presenza di acqua dolce e di molti animali fecero di Sarmishsay un luogo per eseguire vari rituali.

I petroglifi di Sarmyshsay differiscono per età, stile e trama. Fondamentalmente, sono immagini di tori-tori, che appartengono all’età della pietra e del bronzo, così come immagini di cervi, capre nello stile animale, tipico dell’arte delle tribù scitiche. La dimensione del territorio della “galleria di petroglifi” di Sarmishsay è veramente enorme – 20 chilometri quadrati. Secondo le stime, più di 10 mila petroglifi si trovano qui.

Margilan

Se chiedete a qualsiasi uzbeko dove si può comprare un prodotto fatto di seta pura, vi dirà Margilan. Secondo una leggenda, il nome di questa destinazione uzbeka è associato ad Alessandro Magno, che la chiamò così in onore del piatto Murgenon, con cui fu accolto dalla gente del posto. La storia di Margilan, situata nel centro della Grande Via della Seta, risale al 2.-1. secolo a.C.

Margilan è famosa per le sue antiche tradizioni di produzione di tipi unici di tessuti di seta, creati sulla base dell’antica tecnica di “abrbandi”.

Ci sono tre fabbriche di seta a Margilan – Yodgorlik, Fayzulodin e Atlas. La fabbrica di Yodgorlik è particolarmente popolare tra i turisti. Per molti decenni, il metodo manuale di produrre antichi tessuti su antichi telai di legno per la filatura a mano è stato accuratamente conservato qui. Margilan ospita anche annualmente il festival internazionale della seta Atlas Bayrami, che mostra più di 300 tipi di atlanti e adras, tappeti, indumenti e altri prodotti.

Kokand

Kokand, una delle più antiche città dell’Asia centrale, è un’altra destinazione meno conosciuta dell’Uzbekistan. In passato era un punto importante sulla Grande Via della Seta, con il commercio, varie arti e mestieri (ceramica, intaglio del legno, ecc.) che si sono sviluppati nella città. Oggi è un importante centro di artigianato.

Alcune delle più belle attrazioni qui includono il magnifico palazzo dell’ultimo sovrano della Valle di Ferghana, Khudoyarkhan, la Moschea Jami, la Madrasah Norbut-Biya, il Mausoleo Madarikhan, la Madrasah dell’Emiro e la tomba di Dakhma-i-Shakhon. Il complesso del palazzo di Khudoyarkhan fu costruito nel 1871 nello stile tradizionale dell’architettura dell’Asia centrale e si distingue per la ricca decorazione esterna e interna, i motivi intagliati e dipinti in stile orientale.

Qarshi

Qarshi è la capitale della regione di Qashqadaryo e l’ultima destinazione meno conosciuta in Uzbekistan nella nostra lista. L’attrazione più interessante della città può essere considerata il ponte Qarshi, costruito nel 1583 in stile persiano. La costruzione fu avviata su iniziativa di Abdullah Khan II, che cercò di rendere l’insediamento attraente per le carovane commerciali. Da allora, il ponte è diventato uno dei simboli della città.

Ci sono molti altri monumenti storici a Qarshi. Questi includono il complesso commemorativo del famoso Profeta Muhammad Abu Ubayd ibn al-Jarrokh, l’unica madrasa e moschea per donne in Asia centrale, la moschea cattedrale Kok-Gumbaz, la madrasa Kilichboy, la madrasa Khuzha Abdulaziz e molti altri.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi