Madagascar, cosa visitare la prima volta

Il Madagascar ha un incantevole quadro di paesaggi: puoi infatti trovare delle foreste pluviali color smeraldo, degli alberi di baobab grandi come mulini a vento che sovrastano la savana, e straordinari pinnacoli di pietra calcarea affioranti, come un milione di guglie gotiche.

I paesaggi umani sono altrettanto affascinanti. Sugli altipiani trovi infatti mille sfumature di verde abbagliano dalle risaie a terrazze, incorniciate da dighe di terra rossa; le risaie piene d’acqua riflettono un cielo blu ceruleo e montagne di granito torreggianti, abbellite dalle immagini pastello delle file di case multicolori. Sulla costa orientale, troverai invece spiagge dorate incorniciate da enormi massi e palme, lambite dall’Oceano Indiano caldo come il bagno.

A ovest e a sud, le pianure ondulate della savana secca e le terre della catena montuosa si intersecano con la fitta e aliena foresta spinosa e scolpite da ampi fiumi serpeggianti.

Naturalmente, la prima visita nel Madagascar non può che partire da Antananarivo. Non c’è altra capitale al mondo come Antananarivo (Tananarive per i francesi, “Tana” colloquialmente per tutti). Una collana di risaie color smeraldo si snoda intorno a laghi, canali e colline frastagliate, mentre un groviglio di case color pastello affolla le strade ancora parzialmente acciottolate di un reticolo centrale sgualcito. Anche le baracche tentacolari sembrano in qualche modo più carine della media degli slum urbani: ancora in gran parte costruite in modo tradizionale, con mattoni di argilla cotta, arrossiscono di un rosa radioso al sole del pomeriggio, stipate tra le risaie scintillanti.

Da qui potrai organizzare i tuoi tour come, ad esempio, quelli della parte centrale dell’Isola, con i suoi altipiani.

Gli altipiani del Madagascar si estendono dal nord di Antananarivo fino al sud dell’isola, ondeggiando selvaggiamente attraverso catene montuose di granito, creste di lava e affioramenti.

Sebbene oggi sia rimasta pochissima foresta naturale indigena, il paesaggio umano è di una bellezza accattivante. Le profonde valli sono riempite da campi di riso terrazzati e città costruite in modo tradizionale, dall’affollato centro agricolo provinciale di Antsirabe alla città storica di Fianarantsoa. Esplora le città in un buggy trainato da cavalli e immergiti nelle tradizioni culturali come l’artigianato malgascio e le cerimonie di famadihana (risepoltura). Al di là di questi centri urbani si trova la Réserve Villageoise Anja, dove si possono fare escursioni attraverso i territori domestici dei deliziosi lemuri dalla coda ad anelli, e l’aspro Parc National de Ranomafana, la cui foresta pluviale nasconde il raro lemure bambù dorato.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi