Covid-19, la variante Omicron scoraggia il turismo

Le imprese turistiche che stavano appena iniziando a respirare dopo due anni catastrofici di pandemia stanno di nuovo boccheggiando a causa dell’introduzione di nuove misure per contenere la diffusione della variante Omicron.

Dai quartieri commerciali in Giappone alle guide turistiche in Terra Santa, dalle stazioni sciistiche sulle Alpi alle compagnie aeree di tutto il mondo, le nuove restrizioni stanno causando preoccupazioni fin troppo familiari. E così, molti Paesi hanno deciso di chiudere le loro frontiere ai viaggiatori che arrivano da otto paesi africani. In Canada, i viaggiatori che arrivano in aereo saranno testati e messi in isolamento in attesa dei risultati.

Sebbene non sia chiaro dove la variante ha avuto origine, i ricercatori in Sudafrica l’hanno recentemente identificata. Detto questo, poco si sa al momento sulla variante Omicron, compreso se è più contagiosa, se rende i pazienti più malati e se può eludere i vaccini.

Eppure, i governi criticati per la loro risposta lenta alla prima ondata di Covid-19 non vogliono ripetere gli stessi errori. L’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte, tuttavia, che i divieti di viaggio sono di modesta utilità e saranno “un pesante fardello” per chi cerca di guadagnarsi da vivere. Tali divieti non impediranno alle varianti di circolare, dicono altri esperti, ma potrebbero dare ai governi più tempo per vaccinare più persone.

Le dichiarazioni delle compagnie aeree

La compagnia aerea londinese EasyJet ha detto la scorsa settimana che le nuove restrizioni sembrano già avere un impatto sulle sue prenotazioni invernali, anche se il CEO Johan Lundgren ammette che il danno non è così grave come nelle ondate precedenti.

Il vettore scandinavo SAS ha detto che la domanda invernale è in crescita, ma che “ora dobbiamo capire l’impatto che avranno le nuove varianti”. “Nell’ultimo anno, ogni nuova variante ha provocato un calo delle prenotazioni, poi un aumento una volta che l’ondata è passata”, ha detto l’analista Helane Becker dello studio Cowen. “Ci aspettiamo la stessa cosa questa volta”.

Le posizioni dei governi

L’amministrazione statunitense ha annunciato nuove restrizioni a partire dal 6 dicembre. Tutti i visitatori stranieri in entrata che viaggiano in aereo saranno tenuti a fare il test per il Covid entro un giorno dalla partenza per gli Stati Uniti. Il nuovo requisito del test sarà applicato a tutti, indipendentemente dalla nazionalità o dallo stato di vaccinazione. Si accetta anche la documentazione di essere guariti dal Covid-19 negli ultimi 90 giorni. Inoltre, gli Stati Uniti vietano l’ingresso negli Stati Uniti ai non cittadini provenienti da otto paesi dell’Africa meridionale. Sono Botswana, Eswatini, Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, Sudafrica e Zimbabwe.

I divieti di viaggio internazionali di 70 paesi imposti al Sudafrica in seguito alla scoperta di una nuova variante di Covid-19 Omicron hanno decimato le speranze del paese di una stagione estiva piena. Più di un miliardo di euro di prenotazioni per le vacanze estive sono state cancellate entro 48 ore dall’annuncio della scoperta. Gli effetti della rapida risposta globale probabilmente dissuaderanno i vacanzieri ancora per molto tempo. La ripresa dei viaggi è stata posticipata di diversi mesi secondo gli esperti.

La decisione di Israele di chiudere le frontiere ai visitatori stranieri arriva mentre l’industria del turismo del paese si stava preparando per le vacanze di Natale e Hanukkah. Il paese aveva riaperto le porte ai turisti solo a novembre, dopo aver rifiutato i visitatori stranieri dall’inizio dello scorso anno. Poco più di 30.000 turisti sono arrivati in Israele nella prima metà di novembre, rispetto ai 421.000 del novembre 2019, secondo i dati del governo.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi